La storia di Michele: lesione del legamento crociato

Michele è un noto atleta e trainer che ha subito una lesione del legamento crociato anteriore ricostruito chirurgicamente poco più di un paio di mesi fa. Prima di operarsi, a seguito della lesione, ha sofferto di una limitazione funzionale e meccanica che non gli permetteva un’estensione completa di ginocchio anche durante l’attività sportiva.

Giunge alla Nostra attenzione circa un mese dopo l’intervento presentando un ritardo nel recupero della tono-trofia muscolare oltre che il persistere della limitazione nel movimento di estensione. Tale condizione, se non ben gestita, può presentare un fattore di rischio con esiti non positivi nella prognosi del recupero, specialmente in pazienti con richieste sport-specifiche avanzate.
Educato adeguatamente al quadro clinico e alla situazione personale si è deciso di comune accordo di iniziare insieme un programma integrato ed intensivo di recupero.

Grazie all’attento inquadramento delle necessità al fine di un tempestivo recupero e alla collaborazione attiva del paziente in 3 settimane abbiamo recuperato la quasi totalità dell’estensione sia attiva che passiva. Inoltre, abbiamo inquadrato e gestito il recupero di alcuni gruppi muscolari debilitati, anche grazie al supporto della stimolazione elettrica su specifici punti motori muscolari, passando rapidamente ad esercizi sport specifici, come lo squat e lo stacco.